ricette

Ricetta della Malanga fritta

Il taro fritto è un antipasto o un piatto di snack che può diventare un indispensabile in ogni cucina. La malanga è una radice che ha diversi nomi, tiquizque, otó, occumo o uncucha e viene dall'America. Nella nostra cucina potrebbe essere sconosciuto, ma mentre lo facciamo scopriremo la gamma di sapori e possibilità che questo ingrediente ci offre. Possiamo cuocerlo in purè o creme che avranno un sapore e una consistenza davvero sorprendenti o prendere nota di questa ricetta per trasformarla in un morso croccante del più originale. Abbiate il coraggio di provare un gusto di successo e allo stesso tempo conosciuto, preparare questo taro fritto in pochi minuti.

ingredienti:

  • 2 malanghe
  • ½ litro di olio d'oliva
  • sale

Come preparare il taro fritto

  1. La malanga fritta è uno spuntino facile da preparare. Il primo passo per questa ricetta è procurarci una buona materia prima. La malanga è una fonte di vitamina C molto appetitosa che possiamo trovare in negozi specializzati o grandi magazzini. Questa radice è un'opzione meravigliosa negli snack già fatti, anche se è molto meglio se li facciamo a casa, senza tanto sale né conservanti.

  2. Mettiamo l'olio a fuoco, useremo un olio d'oliva, se ci piace più girasole è un'altra opzione possibile. La qualità dell'olio segnerà l'esito di questo piatto che sarà totalmente condizionato da una serie di elementi che influenzano questa frittura, il più importante è il tipo di olio, ma anche la temperatura. Faremmo meglio a bruciarlo e riscaldarlo in modo uniforme.
  3. Laviamo le malanghe e le asciughiamo bene. Li taglieremo a fette della stessa misura. Possiamo usare un mandolino per renderli il più uniforme possibile. Gli esperti li cucinano direttamente con il mandolino che tagliano in modo che cadano sull'olio, nel nostro caso, starà bene allo stesso modo.

  4. Facciamo friggere il taro per qualche minuto fino a quando non inizia a rosolare. La chiave del successo di questo piatto è che abbiamo un dragoncello quanto più croccante possibile per gustarne la consistenza e il sapore. Li suoneremo con una forchetta e vedremo se quel suono speciale vogliamo sentire i suoni.
  5. Rimuoviamo le malanghe e le mettiamo su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Quando sono ben asciutti aggiungiamo il sale a piacere, avremo preparato uno di quei piatti che fanno la storia.